Ultimissime

La musica di Gounod e Saint-Saëns a Segesta

L‘Orchestra sinfonica Siciliana protagonista del concerto del 18 luglio alle 19,30 nel teatro antico di Segesta per le Dionisiache 2017. Diretta da Ottavio Marino, proporrà la Sinfonia n.1di Gounod e Suite Algérienne di Saint-Saëns. Saranno 52’ di vera Magia. Protagonisti: l’Orchestra, la Musica, lo scenario unico di Segesta.

Con l’esibizione dell’Orchestra Sinfonica si aprono le Rappresentazioni al Teatro Antico. In Cartellone ben 45 spettacoli, cinque concerti, cinque albe e 20 laboratori. Un Calendario ricco e articolato che sicuramente incontrerà il gradimento di un pubblico variegato, così come la scorsa edizione.

Il programma dell’Orchestra prevede:

La Sinfonia n. 1 di Gounod. Charles Gounod ricordò nei suoiMémoires d’un artiste la composizione della sua Prima sinfonia in re maggiore nel 1855 dopo la delusione seguita alla rappresentazione della sua terza opera, La nonne sanglante. Ancora incerto sulla sua carriera di compositore e addirittura tentato dalla possibilità di prendere i voti, Gounod non stava dunque attraversando un periodo particolarmente felice della sua vita quando compose questa sinfonia il cui successo, però, gli indicò quale dovesse essere la strada da seguire. Il primo movimento, Allegro molto, in forma-sonata è una pagina brillante nella quale si sente sin dalla parte introduttiva l’influenza di Mozart che pervade anche il primo tema, mentre il secondo, affidato al flauto, è di carattere lirico. Il lento incedere di una marcia funebre caratterizza la parte iniziale del secondo movimento, Allegretto moderato, che, però, trova uno dei momenti di serenità nella bella melodia dei legni. Il movimento, infine, si conclude con un fugato estremamente raffinato dal punto di vista contrappuntistico il cui soggetto trae spunto dal tema iniziale. Lo Scherzo, privo del vigore di quelli di Beethoven, è in realtà un elegante minuetto, mentre il Finale è una pagina brillante nella quale Gounod fa sfoggio delle sua qualità nell’ambito dell’orchestrazione. Durata: 30′

La Suite Algérienne di Saint-Saëns. Fu proprio un viaggio effettuato nel 1875 in Algeria ad ispirare a Saint-Saëns, che dal paese nordafricano fu sempre affascinato, la composizione di Réverie orientale, che sarebbe diventato, con il titolo Rêverie du soir, il terzo dei quattro brani di cui si compone la Suite algérienne. Composto, infatti, su un tema che Saint-Saëns aveva concepito durante il viaggio, questo brano fu eseguito per il prima volta il 7 giugno 1879 in un concerto di beneficienza sotto la direzione del compositore al quale il suo editore Durand suggerì di comporre altri brani dello stesso carattere. Nacque così la Suite algérienne, alla quale Saint-Saëns lavorò durante l’estate del 1880 che egli trascorse a Boulogne-sur-Mer. Eseguita con notevole successo per la prima volta il 19 dicembre dello stesso anno sotto la direzione di Édouard Colonne, la Suite, che Saint-Saëns dedicò all’oftalmologo di origine alsaziana Albert Kopff da lui conosciuto durante il soggiorno in Algeria, è costituita da quattro movimenti ciascuno dei quali segue un programma. Nel primo Prélude. En vue d’Alger, la città di Algeri è vista dal ponte di una nave che si sta avvicinando alla costa; il musicista, dalla sua posizione, percepisce i diversi rumori e soprattutto ben distinto il grido “Ali Allah! Mohammed rassoul Allah!”, mentre la nave dopo un ultimo sussulto attracca nel porto. Nel secondo movimento, Rhapsodie mauresque, è, invece, descritta una scena che si svolge all’interno della città; nei suoi caffè, infatti, gli Arabi si danno a danze lascive e sfrenate, mentre nel terzo, che si svolge sotto le palme di un’oasi, durante una notte profumata, è descritto un canto amoroso, il cui ritornello è affidato al flauto. Il quarto movimento, Marche militaire française, ci riporta nella rumorosa città di Algeri dove un reggimento francese sfila al suono di una marcia la cui musica stride con le melodie languide e i ritmi bizzarri di quella orientale. Durata: 22′.

 Per lo spettacolo del 18 Luglio al teatro Antico di Segesta – (Biglietti al Botteghino del Politeama e un’ora e mezza prima del concerto al teatro di Segesta: 10 euro. Info: 091 6072532/533 biglietteria@orchestrasinfonicasiciliana.it  – vivaticket – www.orchestrasinfonicasiciliana.it)

Applausi a scena aperta intanto ieri sera a  Calatafimi Segesta per il primo appuntamento inserito nel Cartellone del “Calatafimi Segesta Festival Dionisiache 2017”.  Di scena la Promenade dedicata a “ORGOGLIO E PREGIUDIZIO”(nel bicentenario di Jane Austen), percorso e momenti di Danza Regency (1811-1820). Protagonisti d’eccezione gli “Harmonia Suave della Compagnia Nazionale di Danza Storica”, diretta da Carla Favata. L’eleganza degli abiti rigorosamente d’epoca e la bravura dei partecipanti hanno incantato il pubblico presente lungo le strade della cittadina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: