Ultimissime

Applausi e partecipazione per lo spettacolo teatrale “Mafia: singolare, femminile”

Al Teatro Antico di Segesta, a un quarto di secolo da una tra le più gravi stragi di mafia della storia italiana, ieri sera, la pièce teatrale “Mafia: singolare, femminile” ha ricordato Paolo Borsellino in un modo diverso. E cioè tramite le donne di mafia. Pochi elementi scenici: una culla, una panca, due sedie e un lungo drappo nero, le attrici in scena vestite di nero. Un’opera teatrale composta da monologhi, scritta da Cetta Brancato, scrittrice e drammaturga, e da Marzia Sabella, magistrato, autrice del libro ‘’Nostro Onore. Una donna magistrato contro la mafia” (Einaudi) all’interno del quale dedica alle donne dei mafiosi un capitolo, “Mafia: singolare, femminile”, che è diventato, appunto, il titolo dello spettacolo.

La rappresentazione teatrale, presentata da Elvira Terranova, giornalista dell’Adnkronos, è stata preceduta dagli interventi di Rosy Bindi, Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, e di Eugenio Albamonte, Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati. Sul palcoscenico, le attrici Stefania Blandeburgo, Maria Teresa Coraci, Giusy Frallonardo e, con loro, Alessandra Camassa, magistrato, presidente del Tribunale di Marsala. La regia è stata di Luigi Taccone. Le canzoni originali, i cui testi sono stati scritti dalle autrici della piéce teatrale, sono state eseguite da Giana Guaiana che ne ha curato anche la musica. “Uno spettacolo teatrale che analizza il ruolo della donna all’interno di Cosa Nostra. Nonostante la struttura delle mafie rimanga rigidamente maschilista sono sempre di più le donne coinvolte in affari di mafie, pur non facendo parte attiva dell’organizzazione mafiosa. Un modo per ricordare anche Rita Atria, che si legò a Borsellino come un padre» così dichiara Cetta Brancato. «Storie di donne di mafia: la madre di un collaboratore di giustizia, la figlia di un complice esterno all’organizzazione, e altre figure ancora, tutte tratte da storie vere e tutte vittime della violenza, non solo fisica, del mostro tentacolare che chiamiamo mafia. Il tutto nasce da un mio incontro con Marzia Sabella. Da lì la voglia di mettere in scena questo spettacolo» così spiega Luigi Taccone, regista dello spettacolo.
I monologhi erano interrotti in maniera cadenzata da una voce fuori campo (Lia Zinno) con il ripetuto incipit “Noi le abbiamo conosciute”, ad introdurre le parole delle varie figure femminili. Frasi forti riecheggiavano nell’atmosfera del teatro: “Si alimentano e nutrono di mafia”, “Uniscono i mafiosi”, “Tutelano il patto fra i mafiosi”, “Attestano la mafiosità dei mafiosi”, “Sono ciò che si vede della latitanza dei mafiosi”, “Fanno le mafiose se serve ai mafiosi”, “Difendono i mafiosi con la loro presenza costante, incisiva alle udienze”, “Accusano i mafiosi”.

Lo spettacolo è terminato tra gli applausi scroscianti del numeroso pubblico.

Gli organizzatori – L’iniziativa è stata promossa dall’ANM-Associazione Nazionale Magistrati – con l’organizzazione della Sezione distrettuale di Palermo e della Sottosezione di Trapani – e dalla Commissione Parlamentare Antimafia. Inoltre, in considerazione dell’alto livello culturale e del valore civile e simbolico della manifestazione, la realizzazione dell’evento è stata resa possibile grazie all’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana-Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, al Comune di Calatafimi – Segesta, al Parco Archeologico di Segesta, ed è stata inserita nella programmazione del Calatafimi Segesta Festival-Dionisiache 2017.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: