Ultimissime

Il Golfo

castellammare2

Il Golfo di Castellammare è una vasta e profonda insenatura naturale che va da Capo Rama (in prossimità di Terrasini, in provincia di Palermo) a Capo San Vito (in prossimità di San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani). Esso è situato nella costa settentrionale della Sicilia ed è affacciato sul Mar Tirreno.

Il Golfo di Castellammare fu denominato in epoca romana “Sinus Aegestanus”, con riferimento all’antica città di Segesta, della quale rimangono le rovine (tra cui il tempio e il teatro).

Nel 1714 fu chiamato da Guglielmo del Isle “golfo di Longuro o Longarico” nella sua carta geografica, con riferimento all’antico centro abitato che sorgeva nei pressi dell’odierna città di Alcamo.

Percorrendo il golfo da est verso ovest, si incontrano nell’ordine i comuni di Terrasini, Trappeto, Balestrate, Alcamo, Castellammare del Golfo e San Vito Lo Capo. Al suo centro vi è la città di Castellammare del Golfo che dà il nome al golfo stesso.

Il Golfo di Castellammare è una perla incastonata nella fantastica Sicilia. Il fascino di questo territorio è percepibile in ogni suo angolo. La gente del Golfo è accogliente e calorosa e riesce a trattare i turisti con un grande senso di ospitalità.

Il Golfo di Castellammare offre diversi spunti da non perdere. San Vito Lo Capo è una rinomata località balneare della Sicilia Occidentale, nota per la sua spiaggia, considerata tra le migliori d’Italia. L’evento più importante che si svolge a San Vito è il Cous Cous Fest, festival dell’integrazione culturale conosciuto in tutto il mondo.

La Riserva Naturale Orientata dello Zingaro è un’area naturale protetta che si estende nella parte occidentale del Golfo di Castellammare, nella penisola di San Vito Lo Capo che si affaccia sul Tirreno tra Castellammare del Golfo e Trapani. Il territorio ricade in parte nel comune di San Vito Lo Capo e in parte nel comune di Castellammare. Scopello è una località costiera, frazione del comune di Castellammare del Golfo. Da visitare la baia Guidaloca, i faraglioni con l’attigua tonnara e l’antico baglio. Se vi trovate a Scopello non potete non fare una sosta culinaria assaporando il rinomato Pani Cunzato, il pane cotto a legna condito con pomodoro, formaggio, acciughe, olio, sale e pepe.

A Castellammare del Golfo, invece, consigliamo una passeggiata nella zona del porto, animata da tanti locali da dove è possibile ammirare un suggestivo panorama sorseggiando un drink, mangiando un gelato e cenando. Per gli amanti della storia e dell’archeologia consigliamo una visita a Segesta con il suo parco archeologico, tempio in stile dorico e teatro in parte scavato nella roccia. Molto graziose sono anche le cittadine di Balestrate, Trappeto e Terrasini, da visitare sia per il mare sia per le vostre passeggiate serali. Alcamo si trova al centro del Golfo di Castellammare ed è la città più grande di questo territorio. Alcamo è consigliata agli amanti dell’arte e del bello. Visitate i castelli di Calatubo e dei Conti di Modica, le tante chiese (tutte bellissime e particolari), le porte, il Collegio dei Gesuiti e il Monte Bonifato. Consigliata anche ai turisti che amano il vino. Alcamo, infatti, è una delle città siciliane del vino. Si produce un ottimo bianco.

 

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: